Dubitinsider

for your information

La decisione del manager del Manchester City Pep Guardiola di spedire Joe Hart in prestito la scorsa stagione e sostituire il numero 1 inglese con Claudio Bravo ha attirato critiche diffuse in Inghilterra.

Il portiere cileno, firmato dal Barcellona per £17million, sembrava del tutto a disagio tra i bastoni al Etihad e alla fine è stato in panchina a favore di Willy Caballero.

Le cose avrebbero potuto essere molto diverse per i Citizens, tuttavia, se il tattico catalano fosse riuscito a firmare il suo obiettivo di prima scelta dei portieri la scorsa estate: Marc-André ter Stegen.

Guardiola, dopo aver lavorato con Manuel Neuer al Bayern Monaco nelle precedenti quattro stagioni, voleva un custode che potesse spazzare dietro una linea difensiva alta e rendersi aperto a ricevere la palla ai piedi in ogni momento. Il sostituto internazionale del numero 1 della Germania era l’opzione perfetta.

Ma il Barcellona non era disposto a prendere in considerazione la separazione con ter Stegen, che, dopo due anni come back-up di Bravo, è stato destinato a usurpare l’ex uomo della Real Sociedad lo scorso mandato. Guardiola si è dovuto accontentare del secondo posto.

La perdita della città è stata assolutamente il guadagno di Barcellona. Non solo ter Stegen possiede riflessi eccezionali e una buona gestione – i suoi 12 salvataggi al Santiago Bernabéu hanno aiutato il Barça a vincere 3-2 contro il Real Madrid ad aprile-il suo passaggio su tutte le gamme, fuori da entrambi i piedi e, soprattutto, il suo comfort in possesso, sono stati importanti risorse per i Blaugrana.

Pass Master

Per tutto il tempo che serve la memoria, parte dell’identità in campo del Barcellona è stata quella di giocare dalle retrovie, costruendo manovre offensive anche se la rapida circolazione del possesso palla è il re all’interno del Camp Nou.

Sotto Luis Enrique la scorsa stagione, la dipendenza del Barça dai loro difensori per giocare la loro via d’uscita dalla pressione, a volte, li ha messi nei guai. Ma la teoria corre che per ogni gol che viene concesso perdendo la palla in territorio pericoloso, diversi sono guadagnati in virtù di mantenere il possesso in favore di zoccolo della palla in contatto.

Neymar al PSG? / FC Barcelona / FWTV by FootballWhispers

Il fatto che, a ter Stegen, abbiano un portiere così disposto ad offrirsi come opzione di passaggio, qualcuno così a suo agio con la palla ai suoi piedi, rende l’intero piano di lavoro.

Infatti, il 25enne ex stella del Borussia Mönchengladbach completa più passaggi per 90 minuti di Neuer-20.4 passaggi corti e 6.3 palle lunghe per l’uomo Bayern 16.4 e cinque.

Ter Stegen, Barcellona

Nell’immagine qui sopra, tratta dalla vittoria per 3-2 del Barcellona contro la Real Sociedad al Camp Nou ad aprile, vediamo come ter Stegen si mette sempre a disposizione come opzione di passaggio per i difensori di fronte a lui.

Qui, il progresso di Samuel Umtiti sulla sinistra è fermato dalla stampa di La Real. Il centravanti francese torna indietro verso la propria porta e vede che ter Stegen staziona al limite della sua area di rigore.

Con il lato basco ben posizionato per chiudere le corsie di passaggio del Barça a sinistra, l’obiettivo della squadra di casa è quello di passare il gioco al fianco opposto. Una palla diretta da Umtiti a Gerard Piqué sarebbe stata l’opzione più veloce, ma rappresenta un rischio in quanto il difensore spagnolo viene monitorato da un attaccante avversario.

Invece, essendo aperto a ricevere la palla e successivamente mettendo un semplice passaggio a Piqué, ter Stegen ha aiutato il Barcellona a raggiungere in sicurezza il loro obiettivo di cambiare gioco.

Ter Stegen, Barcelona

In questa immagine, tratta dallo stesso gioco, vediamo come la calma di ter Stegen sotto pressione sia vitale per il desiderio del Barcellona di giocare fuori dalle retrovie.

Ancora una volta ricevendo un passaggio da Umtiti, il portiere tedesco viene immediatamente chiuso da Xabi Prieto, mentre la stampa coordinata della Sociedad ha tagliato le sue opzioni di passaggio più evidenti.

In una situazione simile, la maggior parte dei portieri avrebbe scelto di cancellare la palla upfield. Questa può sembrare l’opzione più sicura, ma per una squadra di Barcellona che è relativamente carente in altezza, la distanza si tradurrebbe in un duello aereo che andrebbe perso il più delle volte.

Invece, ter Stegen individua la mossa di Umtiti a sinistra e lancia tranquillamente la palla nello spazio per l’ex difensore del Lione. Barcellona successivamente costruire una mossa d’attacco lungo il lato sinistro.

Ter Stegen vs The Press

Pressing è diventato un aspetto importante del gioco moderno negli ultimi anni, con molti allenatori, come Jürgen Klopp, Pep Guardiola e Thomas Tuchel, istruire i loro giocatori per harry sistematicamente l’opposizione in alto il campo.

Ci sono due modi principali per limitare l’efficacia di tali tattiche: giocare palle lunghe e alte fino agli attaccanti, aggirando così la stampa dell’opposizione; o giocare attraverso la pressione con passaggi verticali rapidi e precisi, rompendo le linee della pressione e creando aperture dietro l’avversario.

Quest’ultimo è un metodo molto più difficile da padroneggiare, ma è anche molto più gratificante per il modo in cui può annullare la tattica dell’opposizione e sfruttare lo spazio che liberano.

Questo è sempre stato il modo in cui il Barcellona ha cercato di affrontare una stampa alta. Ai tempi di Guardiola in carica al Camp Nou, gli intricati triangoli di passaggio che Xavi, Andrés Iniesta, Sergio Busquets e Piqué avrebbero intrecciato erano l’ideale per giocare fuori dai guai.

L’attuale squadra del Barça, quando viene pressata, fa molto affidamento sulla notevole capacità del proprio portiere di eseguire passaggi in avanti nitidi e precisi su tutte le gamme.

Ter Stegen, Barcelona

Qui vediamo ter Stegen ricevere la palla sul bordo della sua scatola di sei yard, sotto pressione intensa e con tutte le sue brevi corsie di passaggio completamente tagliate.

Ter Stegen, Barcellona

Ancora una volta, dove la maggior parte dei portieri avrebbe scelto di zoccolo la palla campo o fuori gioco, ter Stegen mantiene la calma e macchie Ivan Rakitić in una tasca di spazio 40 metri dalla porta.

Il portiere tedesco sposta la palla sul piede sinistro e sceglie il suo compagno di squadra croato con un passaggio rialzato, mantenendo il possesso e prendendo quattro giocatori della Sociedad fuori dal gioco.

A 25 anni, ter Stegen è ancora molto giovane per un portiere di alto livello, e il suo picco potrebbe essere ancora qualche anno di distanza. Ma il suo stile e skillset sono una partita perfetta per questa squadra di Barcellona e il loro modo di giocare.

Ci può essere una manciata di portieri migliori al mondo di ter Stegen, ma non ce ne sono più adatti al Barcellona.

SEGUI FOOTBALL WHISPERS SU TWITTER!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.